Il francobollo come spazio disegnato