Il "capro" che beve dal fiume: a proposito di un oracolo e di una tempesta