Un paesaggista portoghese per il Forlanini