Design e didattica. Alcune domande a Giorgio De Ferrari