Architettura funeraria come luogo di confine