Sulle ragioni della forma dei luoghi