La condizione di insularità, la morfologia del territorio e i caratteri socioeconomici configurano la Sardegna come una sorta di periferia di periferie, dove l’ostacolo ai collegamenti extraregionali si aggiunge a difficoltà nel collegamento interno, con numerosi territori con scarsa dotazione di servizi in loco e infrastrutture insufficienti a garantire un accesso agevole ai pochi poli sovralocali. Le carenze imputabili alla scarsa accessibilità si accompagnano a una condizione di dipendenza dai centri urbani principali situati lungo alcuni tratti di costa, e si traducono in una tendenza allo spopolamento di intere aree della Sardegna, con flussi che si dirigono sia verso i centri più importanti sia al di fuori di un territorio regionale che risente di per sé di una condizione di perifericità rispetto ad altre regioni italiane. Questo insieme di fattori, unitamente a una protratta condizione di debolezza economica, bassi livelli di natalità, invecchiamento della popolazione, scarsa attrattività e abbandono scolastico, rappresenta un elemento di rischio notevole per il mantenimento del presidio del territorio, con conseguenze negative a medio e lungo termine sul paesaggio e sull’economia locale. In questo senso il settore agroalimentare, elemento fondamentale dell’economia isolana supportato anche dalla programmazione regionale e dai fondi comunitari, può fungere da elemento di contrasto all’abbandono dei territori interni della Sardegna incentivando non solo la produzione ma anche la comunicazione e la messa in rete delle realtà della filiera con l’ausilio di metodi e strumenti digitali innovativi. Tra le iniziative che si muovono in questa direzione figura Quality Find, piattaforma che offre servizi per l’integrazione di dati geografici, trasparenza e promozione rivolti alle aziende dell’agroalimentare sardo, mettendo in evidenza le produzioni DOP, IGP, PAT, Bio, Presìdi SlowFood ed eccellenze della ristorazione. La piattaforma si inserisce in quell’insieme di iniziative che cercano di contrastare la marginalizzazione e l’impoverimento del territorio con un potenziamento del settore agroalimentare e delle sue potenziali connessioni con altri settori, quali la promozione turistica del territorio.

Aree interne della Sardegna - Come l’imprenditoria digitale può supportare l’agroalimentare e il binomio qualità-territorio. Il caso Quality Find / Scalas, Mattia. - STAMPA. - (2022), pp. 327-334.

Aree interne della Sardegna - Come l’imprenditoria digitale può supportare l’agroalimentare e il binomio qualità-territorio. Il caso Quality Find.

Scalas, Mattia
2022

Abstract

La condizione di insularità, la morfologia del territorio e i caratteri socioeconomici configurano la Sardegna come una sorta di periferia di periferie, dove l’ostacolo ai collegamenti extraregionali si aggiunge a difficoltà nel collegamento interno, con numerosi territori con scarsa dotazione di servizi in loco e infrastrutture insufficienti a garantire un accesso agevole ai pochi poli sovralocali. Le carenze imputabili alla scarsa accessibilità si accompagnano a una condizione di dipendenza dai centri urbani principali situati lungo alcuni tratti di costa, e si traducono in una tendenza allo spopolamento di intere aree della Sardegna, con flussi che si dirigono sia verso i centri più importanti sia al di fuori di un territorio regionale che risente di per sé di una condizione di perifericità rispetto ad altre regioni italiane. Questo insieme di fattori, unitamente a una protratta condizione di debolezza economica, bassi livelli di natalità, invecchiamento della popolazione, scarsa attrattività e abbandono scolastico, rappresenta un elemento di rischio notevole per il mantenimento del presidio del territorio, con conseguenze negative a medio e lungo termine sul paesaggio e sull’economia locale. In questo senso il settore agroalimentare, elemento fondamentale dell’economia isolana supportato anche dalla programmazione regionale e dai fondi comunitari, può fungere da elemento di contrasto all’abbandono dei territori interni della Sardegna incentivando non solo la produzione ma anche la comunicazione e la messa in rete delle realtà della filiera con l’ausilio di metodi e strumenti digitali innovativi. Tra le iniziative che si muovono in questa direzione figura Quality Find, piattaforma che offre servizi per l’integrazione di dati geografici, trasparenza e promozione rivolti alle aziende dell’agroalimentare sardo, mettendo in evidenza le produzioni DOP, IGP, PAT, Bio, Presìdi SlowFood ed eccellenze della ristorazione. La piattaforma si inserisce in quell’insieme di iniziative che cercano di contrastare la marginalizzazione e l’impoverimento del territorio con un potenziamento del settore agroalimentare e delle sue potenziali connessioni con altri settori, quali la promozione turistica del territorio.
978-88-944733-7-7
Quaderno 18 - il paesaggio delle aree interne
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Quaderno18_Scalas.pdf

non disponibili

Tipologia: 2a Post-print versione editoriale / Version of Record
Licenza: Non Pubblico - Accesso privato/ristretto
Dimensione 431.25 kB
Formato Adobe PDF
431.25 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2970893
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo