Sulla necessità di uno sguardo progettuale rigenerativo