Franco Rosso: un’eredità difficile e necessaria