La città del sociale: dalle immagini come retoriche alle “non-rappresentazioni” come pratiche