Giorgio Raineri: la difficile eredità di un esordio brillante