A quasi quarant’anni dall’estinzione del Gran Prix de Rome e della grande stagione dei pensionnaires disegnatori d’archeologia, che per più di un secolo e mezzo avevano portato avanti quell’opera interpretativa dei resti avviata dagli architetti rinascimentali, Villa Adriana torna al centro di una articolata riflessione sulle questioni che l’antico, la rovina, la memoria e la loro interpretazione pongono alla realtà attuale dell’architettura progettata e, nello specifico delle problematiche affrontate in questo seminario, al concetto “moderno” del museo e delle sue forme e strutture. Il gran teatro dell’architettura, voluto dall’imperatore Adriano come sfondo della propria vita privata e costruito tra il 117 ed il 138 a.C. registra una nuova fase di interesse scientifico e di studio a livello internazionale, tale da estrarla, quasi a forza, da quella condizione, comune a quasi tutte le rovine architettoniche oggi, di grande natura morta, fissata nella mente degli studiosi di storia dell’architettura e dell’arte dalle restituzioni settecentesche e mai più mutata fino ad oggi.

IL "GRAN TEATRO" DELL'ARCHEOLOGIA / BASSO PERESSUT, G. L.; Caliari, P. F.. - STAMPA. - (2005), pp. 12-19.

IL "GRAN TEATRO" DELL'ARCHEOLOGIA

G. L. BASSO PERESSUT;P.F. CALIARI
2005

Abstract

A quasi quarant’anni dall’estinzione del Gran Prix de Rome e della grande stagione dei pensionnaires disegnatori d’archeologia, che per più di un secolo e mezzo avevano portato avanti quell’opera interpretativa dei resti avviata dagli architetti rinascimentali, Villa Adriana torna al centro di una articolata riflessione sulle questioni che l’antico, la rovina, la memoria e la loro interpretazione pongono alla realtà attuale dell’architettura progettata e, nello specifico delle problematiche affrontate in questo seminario, al concetto “moderno” del museo e delle sue forme e strutture. Il gran teatro dell’architettura, voluto dall’imperatore Adriano come sfondo della propria vita privata e costruito tra il 117 ed il 138 a.C. registra una nuova fase di interesse scientifico e di studio a livello internazionale, tale da estrarla, quasi a forza, da quella condizione, comune a quasi tutte le rovine architettoniche oggi, di grande natura morta, fissata nella mente degli studiosi di storia dell’architettura e dell’arte dalle restituzioni settecentesche e mai più mutata fino ad oggi.
8870908038
PREMIO PIRANESI. PROGETTI PER VILLA ADRIANA
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
IL GRAN TEATRO DELL'ARCHEOLOGIA.pdf

non disponibili

Tipologia: 2a Post-print versione editoriale / Version of Record
Licenza: Non Pubblico - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.05 MB
Formato Adobe PDF
1.05 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11583/2851135