Intervista al curatore della prima triennale di Pechino