Sulla (in)utilità della geografia