Concentrati, dispersi: migranti nelle città che (non) condividono