Valore di novità e valore d’antichità. Sul restauro di alcuni centri urbani piemontesi