Quando il simbolismo incontra la tecnologia