Nel tempo di Viollet-le-Duc: Tony Desjardins, "infaticabile chercheur"