Tra Guarini e la scuola antonelliana. Nota dei curatori