L’occupazione, prima di tutto