Il contributo proposto guarda ai temi della conservazione e valorizzazione del patrimonio religioso in Europa, con un particolare interesse agli aspetti legati alle nuove funzioni che si rende necessario individuare per tutta quella parte di beni che, cessata la funzione originaria, si trovano attualmente in stato di dismissione. In Italia la perdita della dedicazione al culto divino è normata dal Codice di Diritto Canonico, che individua anche alcuni degli usi non indecorosi auspicabili in caso di trasformazione. In Europa e negli Stati Uniti una necessaria distinzione tra edifici di culto cattolici e di altre religioni evidenzia scelte di riuso promiscuo documentabili per esempio nel caso di edifici di culto protestante. Quindi si presentano alcuni esempi che in Europa prevedono anche la demolizione di un bene non necessariamente allo stato di degrado sino al ruolo dell’arte contemporanea nell’individuare nuove proposte per la valorizzazione del patrimonio religioso con un riferimento in particolare all’attività svolta dall’Associazione L’art dans les chapelles in Bretagna (Francia), ed un caso piuttosto singolare che ha coinvolto Francesco Vezzoli e la cappella della Madonna del Carmine a Montegiordano (Cosenza, Italia).

Chiese dismesse e nuove funzioni ad uso promiscuo: casi in Europa e negli Stati Uniti / Novelli, Francesco - In: Patrimonio architettonico religioso. Nuove funzioni e processi di trasformazione / Bartolozzi C.. - STAMPA. - Roma : Gangemi editore s.p.a., 2016. - ISBN 9788849234534. - pp. 235-245

Chiese dismesse e nuove funzioni ad uso promiscuo: casi in Europa e negli Stati Uniti

NOVELLI, FRANCESCO
2016

Abstract

Il contributo proposto guarda ai temi della conservazione e valorizzazione del patrimonio religioso in Europa, con un particolare interesse agli aspetti legati alle nuove funzioni che si rende necessario individuare per tutta quella parte di beni che, cessata la funzione originaria, si trovano attualmente in stato di dismissione. In Italia la perdita della dedicazione al culto divino è normata dal Codice di Diritto Canonico, che individua anche alcuni degli usi non indecorosi auspicabili in caso di trasformazione. In Europa e negli Stati Uniti una necessaria distinzione tra edifici di culto cattolici e di altre religioni evidenzia scelte di riuso promiscuo documentabili per esempio nel caso di edifici di culto protestante. Quindi si presentano alcuni esempi che in Europa prevedono anche la demolizione di un bene non necessariamente allo stato di degrado sino al ruolo dell’arte contemporanea nell’individuare nuove proposte per la valorizzazione del patrimonio religioso con un riferimento in particolare all’attività svolta dall’Associazione L’art dans les chapelles in Bretagna (Francia), ed un caso piuttosto singolare che ha coinvolto Francesco Vezzoli e la cappella della Madonna del Carmine a Montegiordano (Cosenza, Italia).
9788849234534
Patrimonio architettonico religioso. Nuove funzioni e processi di trasformazione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2668221
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo