La grafica nella ‘macchina’ della mostra