Dopo Guarini e Juvarra: la reinterpretazione neobarocca di Carlo Ceppi e Antonio Vandone del Santuario torinese della Vergine Consolata