L’opposizione dei creditori nella fusione eterogenea: la corte costituzionale riformula l’art. 2503