L’obiettivo della ricerca è stato quello di intervenire sui costi dell’edilizia in paesi a basso sviluppo umano, sfruttando la pratica del riciclo e del riuso dei rifiuti per applicarla in autocostruzione alle abitazioni di slum e campi profughi. Le due proposte principali hanno riguardato la cellulosa (derivante dai rifiuti cartacei, che sono tra i più comuni) e gli elastomeri che compongono gli pneumatici, difficilmente riusabili per altri scopi. La cellulosa è stata sperimentata per creare il plaspaper, un intonaco molto leggero e isolante che riduce l’uso del legante. Per gli elastomeri sono stati previsti due riusi: con il taglio di uno pneumatico è stato realizzato un modello di copertura a coppi che prenderebbe il posto delle costose e poco confortevoli lamiere oggi frequentemente utilizzate; con pneumatici integri è stata proposta la creazione di uno strato sotterraneo con funzione dissuatrice dei fenomeni sismici, demandando a ulteriori studi le potenzialità di questa soluzione. Per queste proposte è stato sottolineato il potenziale ritorno economico che il riuso di rifiuti comporterebbe, grazie alla creazione di lavoro e alla diminuzione dei costi di costruzione. È stato perciò raccolto materiale sui rifiuti nei paesi in via di sviluppo, sul riuso, le emergenze e le fasi di post-emergenza, che è stato tradotto in italiano e sistematizzato nei capitoli introduttivi. Sono state portate avanti sedici sperimentazioni di un intonaco a base di cellulosa e sulle due versioni prescelte sono state condotte delle prove ispirate alle norme EN UNI 1015–10:2007, EN UNI 1015–11:1999, EN UNI 1015–12:2002, EN UNI 1015–18:2004 e EN UNI 1745:2005 per sperimentarle: tali varianti alle prove sono state documentate e riscritte in un manuale in inglese a disposizione degli autocostruttori dei paesi in via di sviluppo. È stato preparato un modello di copertura con il taglio di uno pneumatico e presentata la proposta di usare gli pneumatici come isolatori antisismici. Il risultato è stato un intonaco sperimentale di cellulosa a base calce o argilla che ha mostrato una resistenza a flessione pari a quella di un comune intonaco di calce, a fronte di un peso che è circa 1/3, impiegando il 33% in meno di legante (nel caso della calce) e con un netto miglioramento (circa 10 volte) delle caratteristiche isolanti, poiché la conducibilità termica media è risultata 0,085 W/mK. Le prove che sono state eseguite per testare questi intonaci hanno ripreso le norme EN semplificandole per adattarle al contesto e alle possibilità dei paesi in via di sviluppo (che spesso non dispongono di una complessa strumentazione), lasciando l’opportunità di modificare la ricetta dell’intonaco e di verificarne in maniera accettabile le proprietà. La sperimentazione con l’uso di segmenti di uno pneumatico in guisa di coppi ha mostrato le potenzialità di un elemento di copertura volto a sostituire la lamiera metallica.

Riusare senza rifiutare. I rifiuti come innovazione tecnologica per l’edilizia nei pvs (e non solo) / Caruso, Ignazio. - STAMPA. - (2013). [10.6092/polito/porto/2506313]

Riusare senza rifiutare. I rifiuti come innovazione tecnologica per l’edilizia nei pvs (e non solo)

CARUSO, IGNAZIO
2013

Abstract

L’obiettivo della ricerca è stato quello di intervenire sui costi dell’edilizia in paesi a basso sviluppo umano, sfruttando la pratica del riciclo e del riuso dei rifiuti per applicarla in autocostruzione alle abitazioni di slum e campi profughi. Le due proposte principali hanno riguardato la cellulosa (derivante dai rifiuti cartacei, che sono tra i più comuni) e gli elastomeri che compongono gli pneumatici, difficilmente riusabili per altri scopi. La cellulosa è stata sperimentata per creare il plaspaper, un intonaco molto leggero e isolante che riduce l’uso del legante. Per gli elastomeri sono stati previsti due riusi: con il taglio di uno pneumatico è stato realizzato un modello di copertura a coppi che prenderebbe il posto delle costose e poco confortevoli lamiere oggi frequentemente utilizzate; con pneumatici integri è stata proposta la creazione di uno strato sotterraneo con funzione dissuatrice dei fenomeni sismici, demandando a ulteriori studi le potenzialità di questa soluzione. Per queste proposte è stato sottolineato il potenziale ritorno economico che il riuso di rifiuti comporterebbe, grazie alla creazione di lavoro e alla diminuzione dei costi di costruzione. È stato perciò raccolto materiale sui rifiuti nei paesi in via di sviluppo, sul riuso, le emergenze e le fasi di post-emergenza, che è stato tradotto in italiano e sistematizzato nei capitoli introduttivi. Sono state portate avanti sedici sperimentazioni di un intonaco a base di cellulosa e sulle due versioni prescelte sono state condotte delle prove ispirate alle norme EN UNI 1015–10:2007, EN UNI 1015–11:1999, EN UNI 1015–12:2002, EN UNI 1015–18:2004 e EN UNI 1745:2005 per sperimentarle: tali varianti alle prove sono state documentate e riscritte in un manuale in inglese a disposizione degli autocostruttori dei paesi in via di sviluppo. È stato preparato un modello di copertura con il taglio di uno pneumatico e presentata la proposta di usare gli pneumatici come isolatori antisismici. Il risultato è stato un intonaco sperimentale di cellulosa a base calce o argilla che ha mostrato una resistenza a flessione pari a quella di un comune intonaco di calce, a fronte di un peso che è circa 1/3, impiegando il 33% in meno di legante (nel caso della calce) e con un netto miglioramento (circa 10 volte) delle caratteristiche isolanti, poiché la conducibilità termica media è risultata 0,085 W/mK. Le prove che sono state eseguite per testare questi intonaci hanno ripreso le norme EN semplificandole per adattarle al contesto e alle possibilità dei paesi in via di sviluppo (che spesso non dispongono di una complessa strumentazione), lasciando l’opportunità di modificare la ricetta dell’intonaco e di verificarne in maniera accettabile le proprietà. La sperimentazione con l’uso di segmenti di uno pneumatico in guisa di coppi ha mostrato le potenzialità di un elemento di copertura volto a sostituire la lamiera metallica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2.1 La storia dei rifiuti e i rifiuti nella Storia europea.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 542.68 kB
Formato Adobe PDF
542.68 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
2.2 Tra bene e rifiuto, la mediazione del riuso.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.2 MB
Formato Adobe PDF
1.2 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
2.3 Il problema dei rifiuti e della loro raccolta.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.76 MB
Formato Adobe PDF
1.76 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
2.5 Rifiuti di una città in un Paese in Via di Sviluppo un esempio.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 489.3 kB
Formato Adobe PDF
489.3 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
2.4 Il problema dei rifiuti nelle fasi di emergenza.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 545.15 kB
Formato Adobe PDF
545.15 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
4.2 Tyle una copertura di copertoni.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 7.71 MB
Formato Adobe PDF
7.71 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
4.3 Proposta di un riuso degli pneumatici come isolatori antisismici.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.34 MB
Formato Adobe PDF
1.34 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
6. Bibliografia e ringraziamenti.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 757.93 kB
Formato Adobe PDF
757.93 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
3.4 Metodi di prova per malte per opere murarie con apparecchiatura disponibile in un PVS e resoconti di prova del plaspaper. 1a parte.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 4.15 MB
Formato Adobe PDF
4.15 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
3.4 Metodi di prova per malte per opere murarie con apparecchiatura disponibile in un PVS e resoconti di prova del plaspaper. 2a parte.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 8.36 MB
Formato Adobe PDF
8.36 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
5. Conclusioni.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 536.99 kB
Formato Adobe PDF
536.99 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
4.1 Componenti, uso, impatto e riuso degli pneumatici.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.01 MB
Formato Adobe PDF
1.01 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
3.3 Plaspaper. 2a parte.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 10.08 MB
Formato Adobe PDF
10.08 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
3.3 Plaspaper. 1a parte.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 6.04 MB
Formato Adobe PDF
6.04 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
3.3 Plaspaper. 3a parte.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 7.41 MB
Formato Adobe PDF
7.41 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
1.1 Il problema del costruire nei paesi in via di sviluppo.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 2.99 MB
Formato Adobe PDF
2.99 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
0. Introduzione.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 363.25 kB
Formato Adobe PDF
363.25 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
1. Indice.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 267.23 kB
Formato Adobe PDF
267.23 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
3.1 Storia passata e presente della carta.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 692 kB
Formato Adobe PDF
692 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
3.2 Intonaci.pdf

embargo fino al 31/03/2013

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 556.9 kB
Formato Adobe PDF
556.9 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2506313
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo