Un secolo dopo, Roberto Gabetti