“Interactivity isn’t in the advanced instruments and technologies, but in the mind, heart and culture of people. That is, while we experience better the techniques, we must engage consciously and critically to outline approaches of method and objectives, to build a conscious, complex ad shared culture of interactivity.” (Marotta, 2009) Il contributo mira a illustrare lo stato dei fatti delle numerose esperienze, svolte da me e da un folto gruppo di ricerca che coordino per la Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, legate alle tecnologie di rappresentazione e alla virtualità. In senso scientifico-disciplinare tutta l’attività del team si radica nella cultura della visione, dalla tradizione all’innovazione, che percorre trasversalmente la dimensione di architettura, città, paesaggio, dall’analisi e dalla lettura critica al progetto, anche nelle sue implicazioni formali e comunicative. Dirigere un gruppo di ricerca impegnato nel mondo della comunicazione e della cultura visiva è un compito fortemente stimolante e di grande prestigio, perché basato sulla guida e l’orientamento delle scelte consapevoli di numerosi giovani studiosi che si interessano e si avvicinano a temi innovativi e all’avanguardia, come quello della rappresentazione digitale, alla modellazione bi e tridimensionale e al rapporto di questi temi con l’ambito dei Beni Culturali, con problematiche legate alla loro valorizzazione e divulgazione.

Gruppo RDI: Rappresentazione Digitale Interattiva / Marotta A.. - ELETTRONICO. - (2012), pp. 177-204.

Gruppo RDI: Rappresentazione Digitale Interattiva

MAROTTA, Anna
2012

Abstract

“Interactivity isn’t in the advanced instruments and technologies, but in the mind, heart and culture of people. That is, while we experience better the techniques, we must engage consciously and critically to outline approaches of method and objectives, to build a conscious, complex ad shared culture of interactivity.” (Marotta, 2009) Il contributo mira a illustrare lo stato dei fatti delle numerose esperienze, svolte da me e da un folto gruppo di ricerca che coordino per la Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, legate alle tecnologie di rappresentazione e alla virtualità. In senso scientifico-disciplinare tutta l’attività del team si radica nella cultura della visione, dalla tradizione all’innovazione, che percorre trasversalmente la dimensione di architettura, città, paesaggio, dall’analisi e dalla lettura critica al progetto, anche nelle sue implicazioni formali e comunicative. Dirigere un gruppo di ricerca impegnato nel mondo della comunicazione e della cultura visiva è un compito fortemente stimolante e di grande prestigio, perché basato sulla guida e l’orientamento delle scelte consapevoli di numerosi giovani studiosi che si interessano e si avvicinano a temi innovativi e all’avanguardia, come quello della rappresentazione digitale, alla modellazione bi e tridimensionale e al rapporto di questi temi con l’ambito dei Beni Culturali, con problematiche legate alla loro valorizzazione e divulgazione.
9788863811933
Patrimonio virtuale. Tecnologie e modelli per la valorizzazione e la comunicazione dei beni culturali
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11583/2498460
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo