Tra terra e lavoro: relazioni deboli e spazi discontinui