Ai margini della "messe del dolore": qualche riflessione semiotica