Ecletisimo e versatilità: i nuovi orizzonti dell’agenda di governo del territorio