Il sogno e gli “occhi di brace”. Nota pascoliana