Andrea Palladio e il lascito teorico di Raffaello: alcune osservazioni