Due note al "sarto" di Giuseppe Bonaviri