Il racconto antico di Cefalo e Procri. Il paradosso dell’amante e il corto circuito del soggetto