Giovani, reti e memorie digitali