Dall’industria alla «non-città»