La città creativa: un sistema territoriale irragionevole