Testi virtuali e tradizione letteraria